Smaltire i farmaci scaduti

Smaltire correttamente i rifiuti, oggigiorno, è una questione fondamentale non soltanto per l'ambiente in maniera generica, ma anche per la salute dell'essere umano. Difatti, se da una parte esistono delle sostanze e dei materiali innocui e quindi riciclabili e adatti a riutilizzo, dall'altra parte ve ne sono tanti altri pericolosi che hanno bisogno di interventi particolari ed i trattamenti appositi Da parte di ditte specializzate come la Nova Ecologica a Roma, Leader anche nel settore degli autospurghi (clicca qui per informazioni).

Esistono, poi, rifiuti i materiali di cui si sottovaluta spesso la pericolosità; un esempio sono i medicinali. Infatti, non tutti sanno qual è il modo corretto per smaltire i farmaci scaduti e di loro contenitori e quasi nessuno conosce gli effetti che può avere il loro cattivo smaltimento a carico della salute umana. approfondiamo meglio questo tema.

Danni per l’uomo e l’ambiente

Solitamente i residui dei medicinali vanno a depositarsi nelle falde acquifere e nei terreni determinando, così, un grande inquinamento chimico e lo squilibrio dell’ecosistema di questi ambienti. Questo è dovuto alla situazione portata dalle molecole di tali sostanze che risultano poco biodegradabili e si accumulano sulla terra per moltissimo tempo, infatti, il pericolo che ne deriva non è imminente ma si presenterà di certo nei prossimi anni qualora non si effettui un opera accurata di trattamento e smaltimento di questo tipo di rifiuto.

per quanto concerne l'essere umano, assumere acqua inquinata dai residui dei medicinali può presentare, nel corso del tempo, un aumento delle allergie (che come sappiamo si sta già verificando) ed un’efficacia minore degli antibiotici a nostra disposizione per combattere batteri e virus di vario genere che, infatti diventano sempre più resistenti e complicati da sconfiggere.

Smaltire contenitori e medicinali

Parlando dei contenitori, questi vanno sbattuti a seconda del materiale con cui sono realizzati. L’imballaggio esterno solitamente viene fatto in cartone e va quindi depositato nell’apposito contenitore per questo materiale. lo stesso discorso vale quindi per il blister, il tubetto o le bustine vuote. Tutto ciò è vero, ovviamente, nel caso in cui si parli di confezioni vuote prive di qualsiasi tipo di residuo.

se invece stiamo parlando di farmaci scaduti che sono ancora integri nelle loro confezioni, allora, il discorso cambia e tali materiali si devono depositare negli appositi contenitori che si trovano in farmacia.

ancora diversa è la situazione che riguarda gli integratori, infatti questi non sono veri e propri medicinali, di conseguenza, una volta privati dei loro involucri, possono tranquillamente essere gettati nel bidone dell’indifferenziata.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close