Scoperta la più antica tavola periodica del mondo: risale alla fine del XIX secolo

Scoperta la più antica tavola periodica del mondo: risale alla fine del XIX secolo
in foto: Credit: Università St. Andrews

La più antica tavola periodica degli elementi, risalente a un periodo compreso tra il 1879 e il 1886, è stata scoperta all’interno del Dipartimento di Chimica dell’Università St. Andrews, in Scozia. Il preziosissimo documento scientifico, rinvenuto in un pessimo stato di conservazione, è stato sottoposto a lungo, costoso ed elaborato processo di restauro; ora è finalmente esposto all’interno dell’ateneo scozzese, protetto da una teca climatizzata per preservarlo.

La scoperta. A individuare la storica tavola periodica degli elementi è stato il chimico Alan Aitken, mentre era impegnato a ripulire il vecchio laboratorio dell’università. Tra scatole di prodotti chimici, accessori vari e strumenti è spuntato fuori un intero archivio didattico d’epoca, con diverse carte arrotolate. Mentre le esaminava la sua attenzione è caduta su una tavola periodica che riportava diverse annotazioni in lingua tedesca. Resosi conto dell’importanza del reperto si è attivato per confermarne datazione e autenticità.

Un reperto di valore. Il documento è stato fatto esaminare al professor Eric Scerri, un esperto di storia della tavola periodica che insegna nella prestigiosa Università della California di Los Angeles. Secondo Scerri esso risale a un periodo compreso tra il 1879 e il 1886 per una precisa ragione. Elementi come il Gallio e lo Scandio, scoperti rispettivamente nel 1875 e nel 1879, sono infatti riportati nella tavola periodica, mentre non lo è il Germanio, che fu individuato dagli studiosi nel 1886. Altre prove sono legate alle annotazioni sul documento, come quello della tipografia scientifica “Verlag v. Lenoir & Forster, Wien”, che ha operato a Vienna tra il 1875 e il 1888. Se si considera che la prima tavola periodica degli elementi elaborata dal chimico russo Dmitrij Ivanovič Mendeleev è datata 1869 si può avere un’idea dell’importanza del documento, simile alla seconda edizione della tavola originale.

Credit: Università St. Andrewsin foto: Credit: Università St. Andrews

Restauro approfondito. Per riportarla al suo antico splendore, la tavola periodica – scoperta nel 2014 – è stata sottoposta a numerosi trattamenti: pulizia per rimuovere la sporcizia; lavaggio con acqua deionizzata a pH neutro; separazione dei vari strati di cui è composta; riparazione con carta kozo giapponese; lavaggio con idrossido di calcio per togliere acidità e scolorimento; bagni di magnesio e altro ancora. Il restauro, finanziato dal National Manuscripts Conservation Trust (NMCT), ha permesso il totale restauro e il salvataggio del prezioso documento. Oltre all’originale protetto nella teca, ne è stata esposta una copia a grandi dimensioni nel Dipartimento di Chimica dell’ateneo.

Cos’è la tavola periodica. La tavola periodica degli elementi è uno schema elaborato dallo scienziato russo Mendeleev per ordinare i vali elementi chimici in base al loro numero atomico (Z), ovvero quello dei protoni presenti nel nucleo dell’atomo. È stata costantemente aggiornata nel corso del tempo; l’ultima revisione risale ufficialmente al 2016, quando sono stati inclusi gli elementi 113, 115, 117 e 118.

Fonte: Scoperta la più antica tavola periodica del mondo: risale alla fine del XIX secolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close