Mangiare davanti allo schermo di TV e PC fa male

Mangiare davanti allo schermo di TV e PC fa male

Qual è la serata ideale per la maggior parte degli italiani? Sedersi davanti alla TV – in salotto o in cucina – e sgranocchiare qualcosa mentre si guarda la partita di calcio della squadra del cuore o l’ultima puntata della fiction preferita, magari con la TV connessa a internet e sintonizzata su Breaking Bad in streaming su una delle piattaforme che lo trasmettono come Justice TV. La verità è che purtroppo, seduti davanti ad uno schermo, non ci si limita a sgranocchiare, ma a divorare spesso in modo compulsivo il cibo davanti a noi, senza provare senso di sazietà e ingurgitando, spesso, il cosiddetto junk food, il cibo spazzatura.

Quali sono le conseguenze per bambini e adulti nel mangiare davanti a uno schermo

I nutrizionisti e la scienza medica sostengono che mangiare davanti alla televisione rende inconsapevoli e incoscienti rispetto alla quantità di cibo che si ingerisce rischiando di mangiare più del dovuto e, di conseguenza, incorrere nell’obesità. Il problema si estende anche a coloro che sul posto di lavoro preferiscono concedersi la pausa-pranzo nella postazione di lavoro mangiando in fretta e male davanti al monitor. Queste abitudini radicate nella nostra società non sono prive di conseguenze, sia per i bambini che per gli adulti.

I bambini sono i soggetti più sensibili rispetto a queste cattive abitudini alimentari poiché – se non sono controllati – tendono a consumare cibi grassi e ricchi di zuccheri –e di calorie – rimanendo seduti e trascorrendo dalle 2 alle 3 ore giornaliere davanti lo schermo; questi comportamenti sviluppano sia problemi di salute e di peso che problemi relazionali in ambito familiare e fuori. Tra i disturbi più ricorrenti dovuti al consumo di bibite gassate e zuccherine, biscotti, dolci e patatine sono il colesterolo e il diabete. Il problema insorge perché guardare la TV ha un effetto quasi “ipnotizzatore” per cui non ci si rende conto del sapore e della quantità del cibo che si ingerisce.

Anche gli adulti vanno incontro alle stesse conseguenze: quando si guarda la tv, soprattutto se si tratta del programma preferito, distrae il cervello che si concentra su altre cose, inibendo il senso di sazietà; inoltre, guardare la TV, è un’attività rilassante che induce a svolgere alcuni gesti meccanicamente. Le cattivi abitudini alimentari provocano disturbi di peso, ma anche problemi di digestione e crampi allo stomaco. Infine, le persone tendono mangiare di più quando vedono spot pubblicitari che promuovono cibo – non sempre salutare – e che si concretizza nella ricerca di “qualcosa da mettere sotto i denti” in modo irregolare e non sano. Un’aggravante delle cattive abitudini è la sedentarietà.

Mangiare davanti al PC è nocivo

Ben più “pericoloso” della TV è l’abitudine di mangiare davanti allo schermo del PC perché oltre ad aggravare lo stile di vita sedentario, affaticare la vista, soffrire di contratture dovute a posture scorrette, si rischia anche di:

  • Sviluppare infezioni;

  • Aumentare il rischio di allergie e malattie cardiovascolari;

  • Obesità.

Perché mangiare un panino o il pranzo portato da casa in ufficio fa male? Perché la postazione di lavoro è 400 volte più “batterica” del bagno: stando a recenti studi clinici, la scarsa igiene dell’ambiente di lavoro è causa delle principali infezioni e allergie; inoltre il campo elettromagnetico del computer è in grado di distruggere la struttura molecolare del cibo e dell’acqua nelle vicinanze con conseguenze nocive per la salute; infatti, acqua e cibo perdono le loro proprietà e nutrienti a contatto con il campo elettromagnetico di un PC comportando nel medio e lungo periodo l’insorgenza di malattie particolarmente gravi come il Parkinson e l’Alzheimer. A tutto ciò si aggiungono gli effetti del mangiare davanti la TV come il sovrappeso o l’obesità, il diabete, il colesterolo, il calo della concentrazione, nonché disturbi comportamentali.

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Recent Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close