Il granuloma dentale, cos’è, come si presenta e come si cura

Un disturbo abbastanza diffuso della cavità orale è il granuloma dentale. Sono i batteri a provocarlo, magari “alle spalle” di un dente devitalizzato anni prima

Carie e gengiviti sono solo i problemi più comuni che possono interessare la tua bocca, ma purtroppo non sono gli unici. Un altro disturbo che può interessare la cavità orale è meno diffuso ma assai fastidioso e ha il nome piuttosto inquietante di granuloma di tipo dentale. La causa che lo produce è di solito infettiva: sono i batteri a raggiungere il cosiddetto legamento parodontale e l’osso alveolare passando attraverso i canali del dente, di solito dopo una precedente infezioni, magari causata da carei, traumi o altre lesioni. Il granuloma può insorgere anche alle spalle di un dente devitalizzato, dopo molti anni dall’intervento. In pochissimi casi, infine, la causa di tale disturbo è la necrosi del tessuto.

Il granuloma dentale non può comparire in una situazione di normalità perché il dente dotato di nervo vitale riesce a fronteggiare l’attacco di batteri grazie agli anticorpi presenti nel sangue.

granuloma dentale

Molto di frequente succede che il granuloma dentale non dia disturbi particolari. In assenza di sintomatogia è solo una lastra panoramica a svelarlo. Ma come si fronteggia questo comune disturbo? L’assunzione di un antibiotico può servire soltanto se si è nella fase acuta quindi con un ascesso dentale. Quando lo si scopre invece, prima che dia luogo a un ascesso è meglio procedere con la rimozione ordinaria. Il rischio è infatti molto grosso: c’è la concreta possibilità che i batteri presenti nella radice del dente entrino nel circolo ematico e si installino in altre regioni del corpo come fegato, valvole cardiache, reni.

La rimozione può essere effettuata attraverso tre diversi procedimenti: l’apicectomia, il ritrattamento canalare, l’estrazione del dente.

Nel primo caso si tratta di aprire una breccia in coincidenza dell’apice del dente colpito da granuloma, di rimuoverlo e concludere con un’otturazione della radice. Se il dentista opta per il ritrattamento canalare andrà a togliere la vecchia otturazione del canale, a pulire l’interno del dente e a sterilizzarlo. Quando invece le due tecniche fin qui descritte non sono sufficienti, si deve propendere per l’estrazione del dente.

La guarigione del paziente può variare a seconda della tecnica adottata dallo specialista. Nei casi più complessi si possono presentare ematomi, gonfiore delle gengive e dolenzia nella fase della masticazione.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close